Come uccidere le app in background su Android 10


Un nuovo telefono è una cosa meravigliosa, ma col tempo il tuo nuovo dispositivo luccicante rallenta e rallenta. Passare da un’app all’altra diventa un’esperienza frustrante e la sua batteria non ti aiuterà a superare una giornata. Se ti sembra familiare, ci sono alcune cose che puoi fare per riprendere il controllo del tuo smartphone e migliorare la situazione, e una delle cose più semplici che puoi fare per controllare le applicazioni in esecuzione in background.

Puoi trovare altri video sugli argomenti tecnologici attuali sulla nostra pagina video.

Tasti di scelta rapida:

Controlla i tuoi processi in background

Il modo migliore per ottenere il controllo dei tuoi processi è di cercare sotto gli occhi usando gli strumenti di monitoraggio integrati di Android. L’aspetto esatto di questa schermata del processo, come accedervi, come viene chiamato varierà a seconda della società che ha prodotto il dispositivo e della versione di Android che state utilizzando.

In alcuni casi, prima di poter iniziare, è necessario abilitare le opzioni per gli sviluppatori.

  1. Nella maggior parte delle versioni di Android, ciò implica andare Impostazioni> Informazioni sul telefono e poi giocando Numero di build circa sette volte. Riceverai una notifica che ti dice che Opzioni per gli sviluppatori sono stati sbloccati una volta terminato.
  2. Per molti telefoni la prossima cosa da cercare è un’impostazione chiamata Processi, statistiche di processo, o Servizi in uso. Puoi trovarlo su Impostazioni> Sistema> Avanzate > Opzioni sviluppatore> Servizi in esecuzione. Questa opzione porta a un elenco di processi in esecuzione che mostra la quantità di RAM utilizzata da ciascuno.
  3. Ovviamente, sarai tentato di interrompere la maggior parte delle applicazioni che richiedono molta RAM in background, ma dovrai prestare attenzione a ciò che stai arrestando prima di continuare. L’arresto di alcune applicazioni potrebbe bloccare il telefono.
  4. È inoltre possibile toccare l’opzione di configurazione nel menu Servizi / Processi per alternare tra processi in esecuzione e processi memorizzati nella cache.
applicazioni in background android10

Qui ti mostriamo come trovare i tuoi servizi in esecuzione su Android 10. / © AndroidPIT

Alcuni telefoni, come un Meizu M3 Max con cui abbiamo testato, non ti consentiranno di accedere alle opzioni degli sviluppatori toccando il numero di build e disponendo di un metodo specifico. La cosa migliore da fare in questo caso è Google, il tuo modello di telefono e le parole “sbloccare le opzioni per gli sviluppatori‘.

Nel caso di Meizu, ciò implicava l’entrata ## 6961 ## su di lui marcatore e poi guardando dentro Configurazione> Accessibilità> Opzioni sviluppatore> Statistiche di processo.

Sono dentro! Ma non so quali app fermare

OK. Se non vuoi che l’app / il telefono vadano in crash, fai attenzione e usa il buon senso. L’applicazione contrassegnata con “Servizi di Google“o praticamente qualsiasi applicazione che inizia con” Google ” non dovrebbe essere fermato manualmente.

D’altra parte, se guardi l’elenco e vedi messaggeri e lettori musicali che scaricano la batteria in background, puoi andare avanti e fermarli con relativa sicurezza. Le app veramente cruciali generalmente non ti permetteranno di forzarle comunque a fermarsi.

  1. Per interrompere manualmente un’applicazione tramite l’elenco dei processi, vai a Configurazione> Opzioni sviluppatore> Processi (o Servizi in uso) e clicca Stop pulsante. Ecco!
  2. PER Arresto forzato o Disinstallare un’applicazione manualmente attraverso applicazioni l’elenco vai a Impostazioni> Applicazioni> Gestione applicazioni e seleziona l’applicazione che desideri modificare. Non eliminare alcuna applicazione che appare quando si seleziona il Mostra app di sistema opzione.
pit Android rimuove kik

Le app che usi raramente sono completamente disinstallate. / © AndroidPIT

Quindi nell’esempio sopra, non abbiamo usato Kik, il Page Manager di Facebook o altri servizi in esecuzione, quindi li abbiamo fermati senza errori. In alcuni casi, il servizio potrebbe riavviarsi automaticamente.

Se tocchi il Più configurazioni (a seconda del modello del telefono), è anche possibile controllare la RAM utilizzata dai processi memorizzati nella cache. Le stesse regole su quali app sono sicure da interrompere si applicano ai processi memorizzati nella cache e in esecuzione.

Con le app che non si chiudono, come Kik per noi (se lo elimini tramite la scheda dei processi si riavvia), puoi navigare verso Impostazioni> Applicazioni> Gestione applicazioni fare un Arresto forzato, oppure puoi semplicemente disinstallarlo direttamente.

Ora è il momento di dare un’occhiata più da vicino a ciò che sta esaurendo la batteria.

Se ti sei guardato intorno mentre facevi i passaggi precedenti, probabilmente hai visto le informazioni dettagliate sulla batteria per ciascuna app. Anche se è fantastico, capire cosa sta scaricando la batteria valutando ogni app singolarmente ti porterà tutto il giorno.

Invece, devi navigare verso Impostazioni> Batteria e vedi quali opzioni sono disponibili sul tuo telefono. Ancora una volta, le opzioni potrebbero avere nomi e funzionalità leggermente diversi disponibili, ma almeno dovresti essere in grado di vedere una panoramica delle app che hanno utilizzato più batteria dall’ultima volta che hai giocato. Quindi puoi decidere quali desideri interrompere individualmente.

Le stesse regole si applicano per l’arresto o la disinstallazione delle applicazioni che sono state applicate per interromperle attraverso la scheda Processi, vale a dire che si desidera fare attenzione a ciò che si inizia a premere. Alcuni telefoni dividono le applicazioni nella scheda di utilizzo della batteria per sistema o non di sistema, mentre altre li dividono in un elenco di applicazioni “hardware” e “software”.

Teoricamente, poiché ogni nuova versione di Android aggiunge funzionalità della batteria più intelligenti, la quantità con cui devi giocare manualmente dovrebbe diminuire.

Su Android Marshmallow, il miglioramento più significativo è stato Doze, che essenzialmente mette il telefono in modalità di ibernazione quando non è in movimento.

Per Android Nougat e Doze 2.0, questa funzione ora funziona anche quando il telefono è in movimento, purché non sia in uso.

Android Oreo impone limiti all’esecuzione in background per garantire che le app non impazziscano con i servizi in background o mantengano gli ascoltatori sempre aperti.

Samsung (e altri) offrono in molti casi opzioni proprietarie di RAM e di potenziamento della batteria, quindi le funzionalità disponibili varieranno. Altre persone suggeriscono che la modalità Doze ha davvero danneggiato la durata della batteria, ma vale sicuramente la pena provare se aumenta il chilometraggio.

emui app per l'utilizzo della batteria in background

È possibile eliminare manualmente le applicazioni tramite questo menu o utilizzare le funzioni di risparmio energetico disponibili. / © AndroidPIT

Task killer e ottimizzatori RAM: il grande dibattito

Con Android (come sistema operativo) e hardware OEM migliorati nel tempo, alcune persone sostengono che l’utilizzo di app task-killer farà più male che bene in termini di elaborazione e durata della batteria.

Poiché uno dei problemi che stai cercando di risolvere è che le applicazioni in esecuzione in background scaricano le tue risorse, aggiungendone un’altra che ha lo scopo di farlo esplicitamente (devi monitorare i servizi in uso sul tuo telefono, quindi dovresti sempre in esecuzione) sembra un po ‘controintuitivo.

Un task killer che chiude ripetutamente un’app in background ripetutamente è quasi sicuramente scaricherà di più la batteria mentre il processo di “riavvio e interruzione” continua. Potrebbe essere meglio non installare il task killer in primo luogo e lasciarlo funzionare.

Tuttavia, alcune persone lo giurano e ottieni un controllo ancora più granulare sul tuo sistema operativo se stai utilizzando un dispositivo rooted. Molti killer task “prosumer” richiedono l’accesso come root per funzionare. Se si tratta di un percorso che si desidera intraprendere, è consigliabile provare a verificare Greenify come un’app di ibernazione automatica che funziona per i dispositivi con o senza root.

I dispositivi non rootati non riceveranno l’ibernazione automatica delle app e alcune altre funzionalità, ma puoi comunque aggiungere un widget alla schermata iniziale, consentendoti di ibernarli in un solo tocco. Ha anche alcune opzioni interessanti che estendono Doze per i dispositivi Marshmallow che non richiedono l’accesso come root.

androidpit greenify

Greenify ha alcune opzioni interessanti per utenti e non utenti. / © AndroidPIT

Pensi che i task killer, i detergenti e gli ottimizzatori RAM aiutino o danneggino la durata della batteria? Fateci sapere nei commenti qui sotto!