L’elenco di SMIC a Shanghai verifica se il denaro può solo portare il dominio delle chips in Cina – Ultime notizie


SMIC, il più grande produttore di chip della Cina, è destinato a continuare l’incredibile vendita di azioni da $ 6,6 miliardi con il suo debutto sul mercato di Shanghai, proprio come la tensione tra Cina e Stati Uniti allarga l’abisso che vuole attraversare per arrivarci. al leader mondiale TSMC, hanno affermato gli esperti del settore.

Semiconductor Manufacturing International Corp (SMIC) è stato immerso in una spinta del governo per sviluppare un settore dei chip indipendente. Il suo prezzo delle azioni di Hong Kong è triplicato da marzo quando gli investitori hanno accettato il sentimento che accompagna i suoi piani di quotazione.

Il suo secondo maggiore azionista, il China Integrated Circuits Industry Investor Fund, sostenuto dallo stato, è stato elencato come il più grande investitore strategico nell’offerta che, alla chiusura di lunedì, aveva attirato 566 volte più denaro dagli investitori al dettaglio rispetto a Azioni Disponibili.

Tuttavia, le aspirazioni globali di SMIC cadono all’ombra delle tese relazioni sino-americane, punteggiate da tariffe di importazione della tecnologia e colorate da un boicottaggio statunitense della Huawei Technologies Co Ltd cinese per motivi di sicurezza, che minacciano gli affari. tra il produttore di apparecchiature di telecomunicazione e fornitori come SMIC.

Anche se SMIC ha acquisito la tecnologia nella sua corsa per catturare Taiwan Semiconductor Manufacturing Co Ltd (TSMC), la società ventenne non possiede la proprietà intellettuale e le competenze di processo per conquistare i migliori clienti per almeno un decennio, affermano gli esperti. .

La sua spesa in conto capitale potrebbe più che raddoppiare quest’anno da $ 4,7 miliardi, secondo gli analisti di S&P Global, solo un terzo della spesa prevista di TSMC.

“L’elenco è una benedizione e una maledizione”, ha dichiarato Mark Li, che segue l’industria dei semiconduttori presso Bernstein Research.

“Hanno bisogno di soldi per competere con TSMC, ma competono con concorrenti molto forti con una reputazione migliore e ottenere rendimenti reali per gli investitori sarà più difficile di quanto sembri”.

SMIC non ha risposto alle richieste di commento.

AMBIZIONE

Gli obiettivi delineati nel suo prospetto di vendita di azioni fanno di SMIC con sede a Shanghai un valore anomalo tra i suoi colleghi nel settore della produzione di chip, hanno detto gli esperti, dato che il dominio tecnologico di TSMC rende la ripresa proibitivamente costoso.

Dei ricavi di 46,3 miliardi di yuan ($ 6,6 miliardi), SMIC prevede di spendere il 40% per costruire un impianto che produce wafer di silicio da 12 pollici per produrre chip con tecnologia 14 e 7 nanometri. Ciò renderebbe in grado di ricevere ordini di chip di fascia alta da Nvidia, Qualcomm e l’unità di chip Huawei HiSilicon.

Global Foundries e United Microelectronics, coppie di dimensioni comparabili, hanno dichiarato di non voler sviluppare una tecnologia a 7 nanometri. Piuttosto che puntare a questi chip all’avanguardia, quei concorrenti hanno migliorato le linee e si sono specializzati in offerte di nicchia.

“Questo non è casuale, perché non hanno il sostegno dello stato cinese che SMIC”, ha detto Doug Fuller, che sta studiando il settore dei chip della Cina alla Hong Kong City University.

“È meno emozionante dal punto di vista tecno-nazionalista, ma forse una migliore decisione economica”.

HUAWEI HURDLE

Il rischio immediato è rappresentato dalle restrizioni statunitensi alle società che utilizzano la tecnologia e ai mercati statunitensi che intrattengono rapporti commerciali con Huawei.

SMIC guadagna fino al 20% delle vendite di HiSilicon, mostrano i dati di Bernstein Research. Si basa anche su Applied Materials, Research LAM, KLA, ASML e altri team negli Stati Uniti o nei paesi alleati per i quali non esistono sostituti cinesi.

“Senza questi strumenti, sarà quasi commercialmente impossibile far avanzare la produzione”, ha detto Li. “Probabilmente rimarranno bloccati con 14 nanometri e non possono andare a 7 nanometri senza costi atroci.”

COMPETENZA

Secondo gli esperti, SMIC manca anche di know-how di produzione, sia nella fascia alta che nell’espansione nella fascia bassa, poiché la produzione comporta un adattamento segreto con i progettisti di chip e i produttori di apparecchiature.

Come azienda in ritardo, SMIC ha faticato ad eguagliare le prestazioni di TSMC o il numero di chip funzionanti per lotto, affermano gli esperti del settore.

Un ex vicepresidente Unisoc ha affermato che il progettista cinese di processori telefonici ha ordinato a SMIC circa 50.000 prototipi di chip 3G nel 2015 utilizzando la tecnologia a 40 nanometri, introdotta da TSMC sette anni prima.

I chip, prodotti in lotti di 2.500, hanno continuato a venire fuori incrinati, l’ex dirigente ha detto a Reuters.

“I rendimenti erano ovunque, wafer e wafer, e non avevano idea di come risolverlo. Nel frattempo, con TSMC stavamo realizzando 500.000 chip al giorno.”

Unisoc non ha risposto a una richiesta di commento.